Un’Atmosfera Autentica

STORIA DELLA CASA E DELLA FAMIGLIA

Il B&B La Finestra sul Conero, ricostruito interamente nel 2011, sorge sulle rovine di una casa colonica che affiancava l’antico Convento della Chiesta di S. Agostino.

L’edificio preesistente risaleva al XVIII secolo e passò di proprietà negli anni ‘30 del XX secolo dai conti Baldeschi di Jesi al celeberrimo tenore recanatese Beniamino Gigli che aveva affidato al fattore Guido Merendoni la gestione dei suoi poderi a Castelfidardo.

Il casolare di campagna portava quindi lo stemma distintivo della casata Gigli ed ospitava intorno la metà del novecento la famiglia di mezzadri “Zoppi”.
Alla morte del tenore la casa passò di proprietà alla famiglia Merendoni, che nel 2011 decise di riportarla finalmente all’antico splendore per costruirci un Bed&Breakfast.

Eclettica e creativa, la Famiglia Merendoni gestisce la struttura in team curandone i minimi dettagli.

“Ci teniamo ad offrire un servizio sempre di maggior qualità ma accessibile a tutti, nel pieno rispetto dell’ambiente e quindi compiendo scelte ecosostenibili” sostiene Guido, nipote e onomino del Fattore.

Il Sig. Getulio, insieme a Guido sono stati i primi ideatori del progetto, affiancati dai familiari Vincenza, Stefania, Donato e dai preziosi collaboratori Gianni e Nadia.

Tutti i mobili che vedrete all’interno della struttura sono stati restaurati artigianalmente dalle sapienti mani del Sig. Getulio e facevano parte dell’arredamento dell’antico Convento Agostiniano, dove il Sig. Getulio trascorse la sua infanzia.

Venendo a visitarci, non solo troverete il calore di un casolare rustico, ma avrete anche l’opportunità di rivivere un pizzico dell’Atmosfera Autentica della storia di questo borgo marchigiano.